HOME - EDITORIALE

INTERFERONE BETA NATURALE CONTRO LA SCLEROSI MULTIPLA

Studi preliminari dimostrerebbero l'efficacia anche del Beta Interferone estratto dai Fibroblasti umani

GINEVRA. Il beta interferone naturale sembra essere efficace nel trattamento della sclerosi multipla. Il gruppo Ares Serono, uno dei principali produttori di interferone beta naturale, estratto dai fibroblasti umani, ha diramato i risultati di uno studio ad interim, durato sei mesi. Il farmaco di origine estrattiva si è dimostrato efficace nella sclerosi multipla, in forma relapsing - remitting, determinando una riduzione del 60% del numero delle lesioni attive, misurate tramite la tecnica della risonanza magnetica nucleare. Positivi anche i risultati relativi ai parametri clinici. Lo studio clinico multicentrico è ststo condotto in Spagna. Le risonanze magnetiche nucleari eseguite sui pazienti sono state analizzate da due osservatori esterni, che non erano a conoscenza dei trattamento cui erano sottoposti i pazienti. Lo studio è stato coordinato dal dottor Oscar Frenandez, primario della Divisione di neurologia dell'ospedale di Malaga, in Spagna.
Nello studio, sono stati arruolati sessanta pazienti, suddivisi poi in due gruppi.
Un gruppo di pazienti è stato trattato con nove milioni di U.I. di interferone beta naturale, somministrato per via sottocutanea tre volte la settimana. Alla fine dei sei mesi di trattamento, il gruppo di controllo non trattato è passato all'interferone beta naturale. Nello studio sono stati ammessi pazienti affetti da sclerosi multipla di tipo relapsing - remitting, con durata della malattia da uno a dieci anni. L'analisi dei paramentri clinici a sei mesi ha dimostrato che l'incidenza delle riacutizzazioni della malattia nel gruppo di pazienti trattato col beta interferone naturale è stata di 1,24 contro 2 del gruppo di controllo. Questi dati sono relativi a una estrapolazione a un anno. Inoltre, il 59°Io dei pazienti trattati con 1'interferone beta non ha manifestato riacutizzazioni durante il trattamento, contro i131 °Io del gruppo di controllo. Le riacerbazioni più gravi sono state osservate nel 38% dei pazienti che fungevano da controllo, contro il 14% del gruppo trattato con interferone beta naturale. Il farmaco, infine, si è dimostrato ben tollerato, anche se il 30°Io dei pazienti ha manifestato reazioni locali nel sito dell'infezione, e reazioni sistemiche simil - influenzali, regredite, peraltro, nel corso del trattamento.
Il gruppo Ares Serono è attualmente impegnato a livello mondiale nella ricerca contro la sclerosi multipla. Il piano dello sviluppo delle ricerche vede attualmente più di mille pazienti arruolati negli studi relativi al beta interferone naturale, e al beta interferone ricombinante.

In totale sono in corso cinque studi clinici di fase II- III che riguardano due forme di sclerosi multipla: la relapsing-remitting, e la forma secondaria progressiva.

Un ulteriore studio su pazienti cin sclerosi multipla in fase iniziale prenderà il via al più presto.


18/09/2005

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: