HOME - ANDROLOGIA

Torsione testicolare

La torsione del testicolo, meglio definita torsione del funicolo spermatico, indica la torsione dei vasi sanguigni del testicolo nella sacca scrotale.e rappresenta una vera e propria emergenza chirurgica.
Il paziente affetto da torsione del funicolo ha di solito un improvviso dolore testicolare , seguito da tumefazione scrotale e da eritema, nausea e vomito.
Il dolore si può propagare lungo il canale inguinale e nel basso addome.

La torsione si produce quando il funicolo spermatico, l’insieme di vasi e nervi posti attorno al testicolo e che lo irrorano, è troppo lungo, oppure quando il testicolo non è ben fissato al fondo della sacca scrotale, quindi le cause possono essere congenite o dovute a eccessiva attività, traumi o attività sessuale.

Il testicolo può torcersi e detorcersi tuttavia è importante che il paziente giunga all’osservazione specialistica al più presto possibile, in quanto appena fatta la diagnosi dovrebbe essere portato in sala operatoria per eseguire la detorsione.

I pazienti che lamentano questi sintomi da meno di 24 ore hanno più probabilità di salvare il testicolo dei pazienti che hanno i sintomi da più di 24 ore.

Durante la visita il medico esplorerà le sacche scrotali. La spirale formata dalla torsione del cordone è talvolta palpabile al di sotto del testicolo.

Bisogna poi procedere con un’immediata analisi delle urine, per rilevare l’eventuale presenza di globuli bianchi e di nitriti nelle urine, prova certa di infezione. L’ecografia con eco-doppler dei vasi testicolari può evidenziare la spirale sul cordone e l’assenza di flusso sanguigno nel testicolo.

Il motivo per cui è fondamentale rivolgersi immediatamente ad un medico all'insorgere della sintomatologia dolorosa è che sussiste un rischio di necrosi con distruzione del testicolo molto elevato.
La necrosi compare dopo circa 6 ore dalla torsione. In tempi più lunghi, quando il testicolo è distrutto, il rischio è di infezione del contenuto della sacca scrotale.

L'intervento prevede un’esplorazione del testicolo in anestesia generale, da effettuarsi al minimo dubbio di torsione. Dopo una piccola incisione sulla sacca, la torsione viene svolta e il testicolo riportato nella posizione corretta e fissato nella sacca per prevenire le recidive, se però il testicolo resta nerastro, segno che è avvenuta una necrosi, di solito si procede alla rimozione dello stesso e sostituzione con una protesi pertanto prima di procedere con l'intervento è fondamentale che il paziente venga informato in maniera precisa sulla possibilità che ha di perdere definitivamente il testicolo.

Nim
12/07/2011

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: