HOME - DERMATOLOGIA

DERMATOLOGIA: IDRATAZIONE POST VACANZE

Le vacanze volgono al termine e il mare, il vento e l’aria aperta hanno messo a dura prova la pelle durante l’estate. Al ritorno è tempo di correre ai ripari, fare i conti con l’abbronzatura che inizia a sbiadire e la parola d’ordine su tutto è: idratare.
Il primo segreto per mantenere a lungo la tintarella è quello di proteggere adeguatamente la pelle durante l’estate, esponendosi in modo controllato e regolare, usando solari adatti al proprio fototipo, applicati ripetutamente, seguendo un’alimentazione ricca di antiossidanti, senza mai dimenticare di usare doposole idratanti ed emollienti, che mantengano e preservino elasticità e compattezza.
Ma forse questo consiglio vale per il prossimo anno, perché se non si sono messi in pratica questi accorgimenti, non resta che prendersi cura in modo particolare ora della propria pelle, cercando di rimediare ai danni arrecati con trattamenti intensivi di idratazione.

La perdita dell’abbronzatura è un processo inevitabile, perché, quando viene meno lo stimolo nocivo degli UV, la cute si disfa delle barriere protettive che aveva prodotto per difendersi dai raggi solari e quindi inizia a desquamarsi.

Prima di tutto, per evitare l’odiato effetto di perdita dell’abbronzatura a chiazze è necessario lavarsi utilizzando bagni schiuma e saponi non troppo energici, quindi senza detergenti che sgrassino molto rimuovendo i lipidi presenti sulla superficie cutanea e accelerando così la desquamazione.
Il consiglio è poi di continuare ad usare il doposole come dopo-doccia, in aggiunta al normale idratante, meglio se prodotti contenenti burro di karitè, olio di argan e calendula. Per quanto riguarda l’idratazione vera e propria, sul viso è d’obbligo applicare due volte al giorno una buona crema idratante, e nel rimuovere il make-up meglio evitare i tonici alcolici perché irritano, meglio dell'olio alle mandorle, l'ideale per liberare il viso da qualsiasi trucco, con delicatezza e senza irritazioni. Con l’avvicinarsi poi della stagione invernale ricordiamo che è necessario proteggere sempre il viso, anche d’inverno, con la protezione solare, perché bisogna tenere presente che l’abbronzatura dura qualche mese, ma i segni che lascia sulla pelle sono permanenti

Per quanto concerne la cura del corpo, non bisogna avere il timore di “sbiadire” troppo velocemente, ma riprendere subito la buona abitudine del guanto di crine per stimolare la circolazione ed eliminare le cellule morte durante la doccia.
Mantenendo la cute del nostro corpo morbida ed idratata durante tutti i mesi, ai primi raggi di sole del nuove anno, saremo pronti per una abbronzatura ancora più luminosa e duratura.

Redazione Nuovaitaliamedica
9/13/2016

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: