HOME - ENDOCRINOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA: DIABETE E DISTURBI SESSUALI

Il diabete è un importante fattore di rischio per la disfunzione erettile. I pazienti diabetici vanno infatti incontro a problemi di erezione con una frequenza maggiore rispetto alla popolazione generale.

Il diabete è un importante fattore di rischio per la disfunzione erettile.
I pazienti diabetici vanno infatti incontro a problemi di erezione con una frequenza maggiore rispetto alla popolazione generale.

I medici dovrebbero iniziare a trattare questo aspetto patologico della funzione sessuale quando i pazienti diabetici sono ancora al di sotto dei 40 anni d’età e intervenire non appena si verificano i primi sintomi, perché
la disfunzione erettile interessa il 50% degli uomini con diabete tendenzialmente dal dai 50 anni di età, con un’età media di insorgenza di 45 anni.

Per le donne i maggiori fattori di rischio per la disfunzione sessuale si associano ad una storia di depressione o di trattamento mediante antidepressivi.

Il diabete impatta sui vasi sanguigni e i nervi, ma ci sono tutti altri aspetti che necessitano una esplorazione e approfondimento. Le cause neurologiche riguardano la neuropatia diabetica che colpisce le vie nervose dirette al pene, può essere causa di disfunzione erettile e di ridotta sensibilità. Le cause circolatorie interessano i vasi sanguigni del pene, alterandone la capacità di dilatarsi durante l’erezione e provocandone, nei casi più avanzati, un’ostruzione che impedisce il normale afflusso di sangue al pene. Le disfunzioni ormonali provocano calo di desiderio sessuale.

Per gli uomini, la maggior parte dell’attenzione si è concentrata sulla disfunzione erettile, ma i problemi possono anche assumere la forma di diminuzione della libido o eiaculatoria o disfunzione orgasmica. Le donne allo stesso modo possono avere un basso desiderio, eccitazione alterata, o difficoltà con l’orgasmo.

Attualmente gli studi si concentrano per capire come il diabete colpisca il controllo del sistema nervoso centrale del comportamento sessuale o l’impatto che ha sulle altre componenti del tessuto sessuale come le cellule endoteliali, cellule della muscolatura liscia, e i nervi autonomi coinvolti nella eccitazione in entrambi i sessi.

L’urgenza del problema è dovuta dal fatto che i diabetici vivono più a lungo, e uomini e donne stanno cercando di prolungare la loro funzione sessuale, per quanto possibile.
Le opzioni di trattamento di prima linea per gli uomini comprendono gli inibitori della fosfodiesterasi 5 come il sildenafil (Viagra, Pfizer) e tadalafil (Cialis, Lilly), tutti preparati che devono essere assunti dietro prescrizione e controllo del medico endocrinologo, ma sia per loro che per le donne, la ricerca deve continuare per garantire ad entrambi una cura efficace e definitiva.

Redazione Nuovaitaliamedica
09/02/2018

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: