HOME - MEDICINA ESTETICA

CELLULITE

Cos’è e come si cura

Il termine “cellulite” indica un processo di ristagno di cataboliti, di acidi insaturi e di linfa carica di materiali di rifiuto nelle trabecole del tessuto connettivo sottocutaneo.
L’aumento di cellulite in alcuni distretti dell’organismo non ha nulla a che vedere con il grasso o con il tessuto adiposo, in quanto quest’ultimo è composto da cellule adipose o grasse aumentate in alcuni casi soltanto di volume, in altri casi di un notevole aumento numerico (si tratterebbe di obesità a tipo ipertrofico o a tipo iperplasico o di forme miste che nulla hanno a che vedere con la cellulite).
La patologia della cellulite colpisce di più e con maggiore incidenza il sesso femminile. Una delle cause oggi ritenuta la più valida è legata ad un eccesso di ormone follicolare.
Esistono quattro fasi principali di cellulite:
- la forma edematosa, che sotto forma di gonfiore specie agli arti inferiori, si manifesta all’inizio del processo cellulitico;
- la seconda fase o forma gelatinosa, si manifesta alla palpazione delle superfici cellulitiche come una forma molle che non offre molta resistenza;
- la terza fase è la evoluzione patologica delle due fasi precedenti, e viene denominata “forma fibrosa” poiché si va organizzando un tessuto fibroso che comincia a creare problemi alla circolazione. Poi sarà un circolo vizioso, poiché la stasi circolatoria aumenta e più la linfa carica di materiali di rifiuto ristagna nel connettivo sottocutaneo peggiorando la situazione.
- Le forme di cellulite vecchia evolvono nella forma sclerotica (quarta fase) in cui la masse cellulitiche sono molto indurite e difficili da curare.

Molte volte l’aumento di volume che la cellulite determina nei tessuti sottocutanei, nei soggetti particolarmente predisposti, affetti da lassità legamentosa (ove le fibre elastiche si spezzano facilmente), può generare smagliature multiple e talvolta vistose.

Molte donne, appena notano i primi segni di cellulite con la classica buccia di arancia, corrono subito in palestra o dal dietologo. C’è da dire che tutto ciò è sbagliato. La cellulite non si cura in palestra, ove fra l’altro è facile che con movimenti bruschi si possano formare delle smagliature; né si cura con, la dieta poiché la cellulite è insensibile a qualsiasi dieta dimagrante, anche la più severa.
Oggi insieme alle cure specialistiche praticate da endocrinologi, si procede con le placche a corrente ionizzante, con gli ultrasuoni, con la laserterapia, con le ionoforesi e con altri metodi di fisioterapia che agiscono rapidamente sui cuscinetti cellulitici sciogliendoli e bruciandoli.

nim
6/13/2007

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: