HOME - TRICOLOGIA

TRICOLOGIA E TOSSICOLOGIA

analisi del capello

La tricologia è la branca della medicina che studia l'anatomia, la fisiologia e la patologia dei capelli e dei peli.La tricologia può essere utilizzata nel campo della medicina legale, in quanto dalla rilevazione delle caratteristiche dei capelli è possibile ricavare informazioni riguardanti l'età, il peso e la razza del loro possessore.

Tutte le sostanze che circolano nel sangue restano intrappolate nelle cellule anche quando queste si trasformano nelle squame che vanno a costituire il fusto del capello. Con la crescita del capello (circa 1 centimetro al mese) la sostanza intrappolata si trova a passare lentamente dalla parte più vicina al bulbo pilifero (parte prossimale) a quella centrale e infine a quella distale. In tal senso é possibile stabilire una data approssimativa per l'introduzione della sostanza nell'organismo. Bisogna tuttavia considerare vari fattori che possono influire su questo processo: le differenze di crescita del capello/pelo in base all'età, a fattori individuali, a trattamenti cosmetici (shampoo, creme); variabilità individuale nel meccanismo di incorporazione della sostanza nel bulbo pilifero.
Quando incorporata nel capello, la sostanza può essere rintracciata sia nel soggetto in vita che sul cadavere.L'esame tossicologico del capello é oggi utilizzato soprattutto nell'ambito della Medicina Forense e della Medicina del Lavoro per la ricerca di droghe, soprattutto anfetamine, cocaina, cannabinoidi.
I capelli ci dicono come stiamo: rivelano se abbiamo assunto droghe o farmaci particolari, anche se abbiamo carenze di minerali.

Attraverso il test del capello, che viene fatto in maniera molto semplice prelevando alcuni capelli, infatti si possono ricercare i residui di varie sostanze (marijuana, oppiacei, cocaina, ecstasy e anfetamine e farmaci dopanti). La lunghezza del capello usato per effettuare l'analisi determina il "range" di validità temporale del test stesso: attraverso capelli o peli lunghi 10 cm è possibile controllare l'eventuale consumo di droga nell'arco dei precenti 20 mesi. L'esame consiste in una prima valutazione del campione attraverso un pre test che utilizza tecniche di immunodosaggio, al quale segue, nei soli casi sospetti, il test vero e proprio che utilizza tecniche di gas cromatografia con spettrometria di massa.


Esiste un test che, analizzando il capello, riesce a identificare l’assunzione della cosiddetta “droga da stupro”, una sostanza stupefacente altrimenti praticamente impossibile da rilevare nell’organismo e un’altra novità riguarda l’analisi del capello capace di svelare, in un solo colpo, la poliassunzione di droghe, cioè il consumo di un mix di sostanze stupefacenti.
Questo test è già stato validato per l’identificazione e la quantificazione simultanea di: amfetamine, ketamina, metadone, cocaina, THC.

Nim
20/04/2011

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: