HOME - SESSUOLOGIA

L'orgasmo ritardato

E' un disturbo sessuale maschile molto meno frequente dell'eiaculazione precoce, anche se in aumento, caratterizzato da un ritardo involontario del riflesso eiaculatorio, nonostante una stimolazione lunga e adeguata.
L’uomo affetto da questo problema può continuare il rapporto anche per mezz’ora con scarsissimo piacere, e con la preoccupazione costante di quando tutto finirà.
L'assenza di eiaculazione può essere primaria o secondaria, assoluta (il paziente non riesce mai a eiaculare quando lo desidera) o, più spesso, situazionale
Nelle sue manifestazioni più gravi, l’eiaculazione ritardata assume la forma di incompetenza eiaculatoria, una condizione nella quale l’uomo non può mai eiaculare in vagina, con evidenti risvolti negativi quando una coppia desidera avere figli.

Le cause organiche del disturbo possono essere tumori o traumi del midollo, sclerosi multipla, morbo di Parkinson , neuropatie , ipotiroidismo, diabete, complicazioni dopo interventi nel distretto addomino-pelvico-perineale, utilizzo di farmaci tra cui neurolettici,antidepressivi triciclici o abuso di alcool, cannabinoidi, narcotici
Però, nella stragrande maggioranza dei casi, le cause sono di origine psichica e si può verificare facilmente se l'origine sia proprio tale nel caso il paziente riesca ad eiaculare tranquillamente tramite masturbazione e non durante il rapporto sessuale.
La disfunzione e' collegata a problemi di tipo psicologico riguardanti soprattutto la capacità di lasciarsi andare al piacere, specie con la propria partner. L'eccessiva necessità di controllo, che si riflette anche nella vita sessuale dell'individuo, può dare luogo a quella che si definisce eiaculazione retrograda, con orgasmo quindi mantenuto, ma mancanza di emissione di sperma che, invece, viene spinto in vescica.

Cercare di affrettare la conclusione del rapporto per raggiungere l’eiaculazione solitamente è una pratica che non produce alcun effetto positivo.
Una volta accertata la causa psichica della disfunzione sarà utile consultare un sessuologo per intraprendere una corretta terapia al fine di guarire definitivamente dal disturbo e garantire un'appagante vita sessuale a se stessi e alla partner.

Nim
7/12/2011

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: