HOME - TRICOLOGIA

I CAPELLI E LA PRIMAVERA

La perdita di capelli stagionale è un fenomeno del tutto naturale e che ancora oggi non ha una causa ben precisa, anche se gli esperti lo riconducono a un fattore genetico: come gli animali perdono il pelo, l'essere umano perde i capelli con il cambio di stagione. Innanzitutto, bisogna considerare che il cambiamento climatico non influisce unicamente sull’ambiente, ma anche sul proprio organismo. I capelli sono i primi a risentirne, in primavera, poiché si trovano ad affrontare la variazione delle temperature, sfibrati a causa del clima invernale
Ogni persona può perdere dai 50 agli 80 capelli al giorno. Per cui, quando ci si pettina, è del tutto normale notare una grossa quantità di capelli lungo il pettine.
C'è da dire che questo periodo dura solo qualche settimana, e che non è il caso di accanirsi brutalmente contro il nostro cuoio capelluto per cercare di renderlo più forte. Quello che invece si può fare è partire in anticipo e nutrire i capelli non solo tramite prodotti cosmetici ma attraverso alimentazione e prodotti naturali.
Non meno importante è l'alimentazione: in questo periodo gli alimenti da preferire sono quelli ricchi di ferro come legumi, carne rossa, tacchino, calamari e spinaci che grazie agli antiossidanti e alle vitamine essenziali e minerali aiutano i capelli a ricrescere più rapidamente. Cereali, riso, latte, patate e ceci sono fonte di acido folico e la biotina che prevengono la caduta del capello, mentre le vitamine A, C ed E contenute in pesche, albicocche, avocado, fragole, kiwi, formaggi, cavoletti di Bruxelles, peperoni verdi, pomodori, uva e ribes sono perfetti per rendere i capelli più corposi e contrastarne l'indebolimento
Tuttavia è sempre consigliabile, in caso di caduta anomala o superiore a quanto abbiamo detto, rivolgersi ad un medico specializzato che possa valutare la situazione.
Potrebbe trattarsi di un particolare momento di stress, dell’effetto collaterale di alcuni farmaci “forti”, di problematiche legate a disfunzioni tiroidee, o, in casi estremi, all'insorgenza del diabete, che contamina i livelli ormonali. Ma potrebbe anche essere uno dei sintomi di una gravidanza appena iniziata.
La caduta dei capelli in primavera può essere causata da un’altra patologia: l’alopecia areata che può colpire anche le sopracciglia, le ciglia e altre zone del corpo . In ogni caso è sempre meglio evitare rimedi fai-da-te ma ricorrere alla valutazione di uno specialista che, ricordiamo, per formulare diagnosi e prescrivere cure, deve necessariamente essere un medico. Attenzione quindi ad improvvisati “tricologi” che propinano prodotti ed apparecchiature costose per rimediare a situazioni che spesso necessitano di indagini accurate e specifiche.

Redazione Nuovaitaliamedica
07/04/2017

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE: